Pittura

Grafica

Fotografia

Scultura

Poesia

Libro d'artista

 

Sezione Cultura

Comune di PADOVA n.1608

C.F.92179100281

 

Elettra D'Agnolo

Nata nel 1938 a Montagnana   ( Padova ).

Ha insegnato  a lungo nella Scuola Elementare, conducendo per tre anni una sperimentazione di Educazione artistica in sei sezioni.

Ha sperimentato varie tecniche di  Pittura e di Modellato in creta, ma soprattutto di Incisione, a cui si è applicata   con  la   guida di Antonio De Rossi, Marina Ziggiotti e Nader Khaleghpour.

Ha realizzato più di cento lastre, con una tematica figurativa   che privilegia la rappresentazione del paesaggio – in particolare quello veneto – e la  raffigurazione di  scorci  architettonici  della  sua cittadina natale e di Padova, in cui abita da oltre quarant’anni.

Ultimamente si è avvicinata  alla  Xilografia, con la guida di Andreas Kramer.

Una sua  acquaforte è stata inserita nell’ “Itinerario di interpretazioni grafiche della DIVINA COMMEDIA  attraverso 146 opere di artisti contemporanei”, raccolta esposta in varie città europee e americane.

Recentemente ha illustrato con incisioni e disegni un libro sui Simboli.

 

elettra.dagnolo@alice.it

 

Opere in terracotta  (Click on image to enlarge)

    Xilografie   (Click on image to enlarge)

    Acquerelli  (Click on image to enlarge)

    Incisioni  su zinco (Click on image to enlarge)

 

Premi

 

2000

2° premio concorso  nazionale “Città di Monselice”  (Pd)

2002

1° premio  assoluto concorso naz: “Città di Monselice”

2005

1° premio concorso regionale “Beppi Spolaor” – Mira (Ve)

 

2° premio concorso regionale “Luigi Tito” -        Dolo (Ve)

2006

4° premio “Emergenti veneti” – Cittadella  (Pd)

2007

segnalata  alla XVI Biennale d’Arte di Trevignano   (Tv)

   

Principali Mostre a cui ha partecipato

 

1969

XVIII Biennale d’Arte triveneta – Sala della Ragione

Padova

1996

XX Arrondissement                                                    

Parigi

1998

Mostra “ L’età da inventare” – Chiesetta Ferri             

Padova

 

Mostra  “Angeli” – Scuderie Palazzo Moroni              

Padova

1999

“ Paesi e paesaggi veneti”                                             

Pescara

 

Per segni e per sogni” – Casa Berlinguer                   

Vigodarzere (Pd)

2000

“Omaggio a Parini” – Palazzo Crepadona                    

Belluno

 

“Arte per il Giubileo” – Centro S.Agostino                  

Albignasego (Pd)

 

“Incontri e confronti” -  Chiesetta Ferri                        

Padova

 

Concorso nazionale “Città di Monselice” – Ca’Emo    

Monselice

 

Mostra “Il Natale” – Scuderie Palazzo Moroni            

Padova

2001

“Il segno e la macchia” – Gall:”Città di Padova”          

Padova

 

“Luoghi e personaggi siloniani”                                     

Piscina (Aq)

 

“L’opera poetica di Vittoria Aganoor” – Pal.Moroni     

Padova

2002

“Terre e segni” – Incisioni e terrecotte – Chies.Ferri     

Padova

 

“Il paesaggio”- Mostra pittura e grafica

Gallio (Vi)

 

Concorso nazionale “Città di Monselice” – Ca’Emo    

Monselice

 

Il Natale a Padova” – Scuderie Pal:Moroni                  

Padova

2003

“Visioni d’ambiente” – Gall.”Città di Padova”              

Padova

 

“Interpretazioni dantesche”  - Chiesetta Ferri                 

Padova

2004

“Omaggio a  Petrarca” – Gall:”Città di Padova             

Padova

 

“La Certosa” – Mostra di pittura e grafica                       

Vigodarzere (Pd)

2005

12° Concorso regionale “Beppi Spolaor”                       

Mira (Ve)

 

9° Concorso regionale “Luigi Tito”                               

Dolo (Ve)

 

Mostra Pittura e Grafica  “Centro d’Arte San Vidal”      

Venezia

 

Ex-tempore di Acquerello “La donna e il lavoro”           

San Candido (Bz)

2006

“Il sogno inciso” – Teatro S.Pio X                                  

Padova

 

“Premio Emergenti veneti”                                             

Cittadella (Pd)

 

“Cinquanta incisori per Mantegna” – Villa Contarini    

Piazzola sul Brenta (Pd)

 

“Progetto Elias” – Collettiva di Pittura e Grafica          

Limena (Pd)

 

2007

“L’autoritratto” – Ex Fornace Carotta                            

Padova

 

Il tempo ritrovato” – Liceo Tito Livio                           

Padova

 

XVI Biennale d’Arte – Villa  Comunale                  

Trevignano (Tv)

 

“Incisori italiani” – Castello di Peraga                            

Vigonza (Pd)

 

 
 Hanno scritto 

 “Le sue incisioni presentano  notevoli capacità di modulazione chiaroscurale, interessanti invenzioni compositive e  raffinate esecuzioni”.

                                                                                               Giorgio Segato – 2000

“Le sue raffinate grafiche ci offrono gli aspetti più armoniosi   degli  elementi  naturali, che  di  riflesso diventano una colta allegoria esistenziale.

La Natura nella sua originale struttura formale sedimentata nel tempo ci appare come un’autentica presenza  cristallizzata nella luce.

Tutto obbedisce alla regola classica dell’ordine e della proporzione,  al  rigore  del   bianco  e  nero attenuati dal grigio che si adagia morbido  sui soggetti, soprattutto sulle morfologie arboree.

Le interpretazioni del paesaggio di questa abile  autrice padovana   rivelano la bellezza  che  varia nelle stagioni ma resta  perenne nel tempo.

Ogni soggetto – il paesaggio veneto, i filari delle viti, la nebbia d’autunno – si   snoda  attraverso un segno continuo e arrovellato , che trasfigura anche i più  piccoli dettagli.

L’autrice  con  prestigiosa  abilità  ci  invita  nel  suo  mondo, per  contemplare  le mille  sinfonie del Creato”.                                                                                          

                                                                                              Gabriella  Niero - 2005

“Interessata alla resa degli effetti atmosferici,  si immerge totalmente negli ambienti che delinea e, attraverso  il  succedersi dei passaggi chiaroscurali  sapientemente  dosati,  ricrea  nelle  sue incisioni la calda, diffusa luminosità di una assolata   giornata  estiva  o  l’algido  chiarore  di un paesaggio ammantato di neve.

I suoi lavori sono raggruppati in cicli tematici che comprendono suggestive vedute di  Montagnana e scorci di Padova, interpretata nel divenire  della sua   storia  mediante  una  personale  lettura  di architetture di valore emblematico”.                                                   

                                                                                               Laura  Sesler  -  2006

 

“La dimensione poetica delle incisioni di  Elettra D’Agnolo  denota uno spiccato senso dell’armonia

 e della bellezza e corrisponde alla proiezione, mai manierata,  di  sentimenti  e  valori, di  visioni partecipate,  modulate in una  carica emotiva di rara visione estetica del reale, del naturale, spesso trasfigurato dall’uso sapiente della luce.

I paesaggi, gli alberi, i fiori, gli scorci rurali, le nebbie, le distese di neve sono tutti spazi di poesia del segno e della sua forza evocativa, sottratta al convenzionale riciclo dell’immagine.

L’impostazione  romantica  di  molte  sue  composizioni  è  il  risultato  della  ricchezza  di Contemplazione che ha favorito il suo incontro con il silenzio, in  una  incisione  molto  curata, nitida, precisa nel materializzare il senso della  riflessione.

Ecco perché questa grafica affascina e coinvolge, mostrando una grande sensibilità creativa  accompagnata dalla liturgia  della grazia esecutiva”

                                                                                                  Mario Klein  -  2007